U21, Di Biagio: “Berna, l’infortunio non ci voleva. Ma lo aspettiamo a braccia aperte”




    Di BiagioTegola per la Fiorentina, l’infortunio di Bernardeschi, ma anche problemi per l’Italia Under 21, che nelle ultime gare si era affidata al talento di Carrara per conquistare l’Europeo di categoria. A La Repubblica, commenta così l’infortunio il ct Gigi Di Biagio: “Bernardeschi? Ha margini di crescita enormi e questo infortunio non ci voleva. Mi dispiace soprattutto per il ragazzo. E poi per la Fiorentina e anche per noi. Lo aspettiamo a braccia aperte“. Gli Under 21 nei club? “Guardando le partite della Under 21 molte società si sono accorte di avere in rosa giovani di valore, e li hanno utilizzati. In questi quindici mesi il gruppo è cresciuto tanto e i ragazzi sono cambiati. Hanno iniziato ad allenarsi con i grandi e hanno anche aumentato il minutaggio. Ma non basta, nelle loro squadre giocano ancora troppo poco e in queste condizioni non è facile colmare il gap con le altre nazionali. Sia chiaro, la mia non è una polemica con le società o con gli allenatori, è solo una considerazione”. Perché in Serie A i giovani giocano così poco? “Manca il coraggio. E poi le società vogliono tutto e subito. Ai giovani bisogna insegnare e bisogna avere pazienza. Dobbiamo dar loro la possibilità di sbagliare. Invece da noi appena fai un errore finisci in panchina per dieci partite. A parte Zeman o squadre come Empoli e Crotone che stanno facendo giocare i giovani, gli altri fanno fatica”.