Uefa: Poker in Champions, tris in Europa League. Ma conterà il ranking

    0



    UefaC’è una buona possibilità che, con la riforma della Champions, aumenti anche il contingente di italiane in Europa. Da 6 a 7 club, com’era fino al 2011-12, prima della retrocessione in 4a fila nel ranking Uefa e della perdita di una in Champions. La storia sta per cambiare: dal prossimo campionato, il 2017-18, i posti in ballo saranno più numerosi.

    Mentre la nuova Champions è stata approvata, l’Europa League è ancora in discussione. Nessun cambio epocale: più che altro definizione delle liste d’accesso e della gestione complessiva. Comunque: alla Champions 2018-19 l’Italia, in quanto tra le prime quattro del ranking Uefa, qualificherà 4 club, tutti di diritto nella fase a gruppi. E quindi la vincitrice della Coppa Italia, la 5a del campionato e anche la 6a andranno in Euroleague. Con la stessa formula di oggi: 2 ai gruppi e una ai preliminari/playoff. Le discussioni cominciano la settimana prossima. La Champions aveva più fretta per vendere i diritti tv con l’obiettivo, non scontato, di arrivare a 3,2 miliardi di ricavi.

    Una cosa importante, nascosta dal clamore sulla nuova Champions, è che non ci sono diritti acquisiti. Spagna, Germania, Inghilterra e Italia avranno 4 club perché sono al vertice del ranking. Ma chi dovesse scendere al 5° posto si ritroverebbe all’improvviso con soltanto 2 (ai gruppi) più 1 (playoff). Quindi il ranking sarà decisivo. Oggi la Francia sta facendo bene, anche il Portogallo: importante che l’Italia non abbia un calo di attenzione, come nel passato recente, perché un altro sorpasso sarebbe un bel guaio.

    Commenta la notizia

    avatar
      Subscribe  
    Notifica di
    Articolo precedenteArticolo del tifoso: i tuoi articoli pubblicati su Fi.it? Inviali a…
    Articolo successivoBabacar vuol togliersi la maglia dell’eterna promessa lotta, tira, pressa e spera che sia un nuovo inizio
    CONDIVIDI