Ufficiale: Milan Badelj non risponderà alla convocazione della Croazia

7



Adesso è ufficiale: Milan Badelj non potrà rispondere alla convocazione della Croazia. L’infortunio subito contro la Roma non gli permetterà di giocare con la propria nazionale.

L’ufficialità è arrivata tramite il profilo twitter dei croati. Domani, poi, sono previsti accertamenti clinici che dovranno valutare l’entità dell’infortunio ai flessori della coscia sinistra.

7
Commenta la notizia

avatar
  Subscribe  
ultimi più vecchi più votati
Notifica di
Lmaltaglati
Tifoso
luigi48

Notizia drammatica!!!!!!!

tomcat
Ospite
tomcat

E chissenefrega, si puo’ dire? Spero che non rientri nella formazione viola almeno fino a giugno, il problema lo ha avuto perche’ domenica ha ….corso….TROPPO

ErComa
Tifoso
Ercoma

Io preferirei arretrare Saponara, alla pirlo, in modo da ottimizzare la rosa… Altrimenti basta che ad un centrocampista venga il raffreddore e siamo messi ancora peggio di oggi..

Francoviola
Tifoso
Francoviola

Finalmente si è rotto così potremo vedere se abbiamo in casa un valido sostituto, a cominciare da Benassi in un ruolo che potrebbe rappresentare il suo futuro.

BlandoTifoso!
Ospite
BlandoTifoso!

Quello che dici avrebbe anche un senso, sarebbe il suo ruolo, ma il pelato è capace di metterci Sanchez che è la morte del gioco propositivo..

Pacco dono
Ospite
Pacco dono

Sanchez sarà meno portato alla costruzione di gioco ma in termini di quantità, dinamismo e muscoli al servizio della squadra non è paragonabile a Badelj. Il colombiano è titolare fisso della sua nazionale da 7 anni ma a Firenze è straordinariamente sottovalutato. Molti hanno ancora davanti agli occhi le prestazioni raccapriccianti da terzino dx dell’anno scorso, ma la colpa era di chi l’ha messo in quella zona del campo non sua.

Frunky69
Tifoso
Edoardo Franchi

anche in FIfa 2013 Sanchez le piglia tutte. A me piace

Articolo precedenteLa giornata viola, il riassunto di oggi
Articolo successivoAlla sosta di novembre con il solito interrogativo: che Fiorentina è? Tra Europa e mediocrità, alla ricerca di un’identità
CONDIVIDI