Un anno fa: la beffa Salah e contropiedi letali piegano una buona Fiorentina (VIDEO)

    0



    Kalinic RomaEra il 25 ottobre 2015 e Fiorentina e Roma lottavano per la prima posizione in campionato. Sembra passata una vita, invece parliamo di meno di un anno fa. Avevamo di fronte la miglior Fiorentina della gestione Paulo Sousa, una squadra che aveva stupito tutti e che si giocava meritatamente un posto ai vertici della Serie A, grazie ad un gioco spumeggiante e ad una forte convinzione nei propri mezzi.

    La partita con la Roma però significava anche il ritorno al Franchi di Mohamed Salah, dopo il celeberrimo “caso” che aveva infiammato l’estate fiorentina. L’egiziano impiegò 6 minuti per realizzare il più classico e doloroso gol dell’ex, che zittì il Franchi ma non demoralizzò la squadra viola. La Fiorentina infatti dominò a larghi tratti quella partita, non riuscendo a sfondare per pochissimo il muro di 10 uomini che Rudi Garcia aveva piazzato dietro la linea di centrocampo, utilizzando come unica arma offensiva le ripartenze di Salah e Gervinho. I giallorossi però si dimostrarono più cinici dei viola: approfittando degli spazi concessi da una Fiorentina arrembante, infatti, al 34′ Gervinho firmò lo 0-2 con il più classico dei contropiedi. La Fiorentina continuò a provarci per tutta la partita, senza però riuscire a sfondare se non all’ultimo secondo disponibile, con il gol della bandiera di Babacar.

    Dunque una sconfitta immeritata, che può essere però di esempio per la partita di domani: occhio alle micidiali ripartenze giallorosse. Nonostante il cambio di panchina e qualche giocatore diverso, il contropiede rimane sempre una delle migliori frecce nell’arco dei giallorossi. Sousa dovrà essere abile ad arginare l’esplosività degli esterni a disposizione di Spalletti, senza rinunciare a cercare di mettere in difficoltà una difesa che appare tutt’altro che impenetrabile.