Un derby per gridare 290 volte Manuel Pasqual!

    0



    PasqualFiorentina-Livorno sarà un derby importante per la raccolta fondi per la FOP (fibrodisplasia ossificante progressiva), la malattia che ha colpito il figlio del capitano della squadra amaranto, nonché tifoso viola e nipote della moglie di Aldo Agroppi, Andrea Luci. Una storia da raccontare la sua, perché speciale, dove consapevolezza e speranza vanno a braccetto per cercare di dare una mano alla ricerca, al fine di combattere la rarissima patologia. Ma sarà un derby particolare – e qui si torna al campo, niente a che vedere con il valore della lotta di Luci – per Manuel Pasqual, capitano della Fiorentina. Lui, così sensibile ai problemi del prossimo tanto da adoperarsi sempre per gli altri ed esserci sempre quando si tratta di solidarietà, domani scenderà in campo per tagliare un traguardo importante con la maglia della Fiorentina: le 290 presenze in maglia viola.

    PRIMO ASSOLUTO. Il terzino sinistro di San Donà di Piave vuole vincere per il derby per riprendere con la squadra la marcia interrotta con le vacanze natalizie. Ma vuole i tre punti anche per poter brindare a questo traguardo incredibile che lo vede ormai irraggiungibile nella classifica dei più longevi dell’era Della Valle. Pasqual, con le sue (ad oggi, senza contare la partita di domani) 289 presenze condite da 6 gol (253 partite e 5 gol in serie A, 5 gare in Champions League, 14 tra Coppa Uefa ed Europa League, 17 e 1 gol in Coppa Italia) è primo in assoluto ed ha staccato di ben 31 partite Riccardo Montolivo, che lo segue con 258 presenze e 18 gol in viola. Sul terzo gradino del podio troviamo invece Marco Donadel, fermo a 224 presenze e 6 gol. Per trovare, nella speciale classifica, un altro viola che milita attualmente nella squadra di Montella, bisogna scendere al 14° posto dove si trova Juan Manuel Vargas con 136 presenze e 19 reti segnate.

    OBIETTIVO 300. Giunti a questo punto, non può che essere chiaro il nuovo traguardo di Pasqual, ovvero arrivare presto, molto presto, a quota 300 presenze in maglia viola, che saranno ancor più simbolo di fedeltà alla Fiorentina e professionalità in un calcio, quello di oggi, dove l’attaccamento e l’amore per la maglia sono cose ormai dimenticate. Fortunatamente c’è ancora qualcuno che si identifica nella casacca che indossa. Che la sente sua. Che la adotta come marchio della propria carriera. Manuel fa parte di questa categoria di uomini che amano, che danno ancora valore alla parola riconoscenza e che non tradiscono. Per questo è bello festeggiarlo, domani, il ‘nostro’ capitano. Per la serietà che ha sempre dimostrato in queste 9 stagioni fiorentine. E poi augurarsi che ce ne siano altri di Manuel Pasqual. Qualcuno, tra i gigliati, sembra avere le caratteristiche di uomo semplice legato ai valori della vita più che ad altro, ed è Borja Valero. Chissà… Nel frattempo i complimenti al numero 23 viola per questo traguardo. Ah… e un appello: domani non dimenticate la solidarietà.