Un equivoco lungo vent’anni. Dal venirsi incontro allo scontro. E un futuro quanto mai incerto. Altro che ripartenza

138



Dopo il duro messaggio di Diego Della Valle, la città ribolle. E gli scenari per il futuro sono tutt’altro che rosei

Tutti i presidenti di società di calcio si sono presi almeno un insulto nella vita. E’ una cosa che merita condanna, a prescindere. Perché le offese non sono mai giustificabili. Poi c’è il calcio. Piaccia o meno, è così da oltre un secolo. Non è una giustificazione, sia chiaro. Gli striscioni di infamie sono sempre da condannare. Ma a tutto va dato il peso che merita. E non ce lo vediamo Diego Della Valle che si alza in tribuna, sale sulla balaustra, e fa partire un coro a rispondere a chi gli rivolge cori di infamie.

L’equivoco che va avanti da quasi vent’anni è piuttosto chiaro: voler fare calcio non sottostando alle regole (scritte o non scritte) di un mondo troppo lontano dalla natura della proprietà viola. Nel calcio serve organizzazione calcistica. I casi vanno gestiti con regole di calcio. Non imprenditoriali. I tifosi non sono clienti. Perché se pagano lo fanno perché mossi da una passione, non dalla qualità del prodotto. Se poi la qualità di ciò per cui pagano diventa scadente, non andranno comunque nel negozio accanto. La comunicazione nel calcio è tutto. Poi ci sono i fatti. Ma se dici A e poi fai B, devi mettere in conto che qualcuno ti chiederà spiegazioni. E non potrai rispondere con C, se poi farai D.

Soprattutto quando in una lunga lettera non si fa altro che rinfangare il passato. Dove qualcuno potrebbe rispondere citando i vari ‘Salah nostro per 18 mesi’,  Milinkovic-Savic, il ‘lotteremo per lo scudetto’, la vicenda nuovo stadio, e via discorrendo. Nel calcio il tifoso può sbagliare. Ma anche una proprietà o una dirigenza possono commettere errori.  Che tuttavia non hanno lo stesso peso. Non possono averlo. E se chi appone uno striscione sui cancelli dello stadio, poi, può ricredersi tornando ad incitare, sostenere, e fare cose di calcio, un imprenditore di fama mondiale non può pensare che se la squadra è esima in classifica, si ritrova con uno stadio semi vuoto, una città in rivolta e con i conti pure in passivo (che è un’aggravante) non può pensare che abbia fatto tutto nel modo migliore. Tutti sbagliano. Non importa cercare sempre colpevoli altrove. Non servono comunicati al veleno contro Pioli, screditandone anche l’immagine dell’uomo. Così facendo si passa solamente dalla parte del torto. Bastava fare semplice autocritica. O esonerare Pioli se non si era convinti del suo lavoro. Bastava dire A e fare A. O almeno provarci. Ma davvero può essere colpa dei tifosi che criticano se la Fiorentina è scivolata in gerarchie, appeal, e adesso lotta per la salvezza?

Quello che sta accadendo attorno alla Fiorentina ha tutti i prodromi per scenari tutt’altro che rosei. La parte più calda del tifo è sul piede di guerra. Ha chiesto troppe volte chiarimenti, incontri, chiarezza. Ma come risposta, adesso, ha ricevuto una porta in faccia durissima. Cosa dovrebbero dimostrare adesso i tifosi? Di essere in grado di rilevare la società? O forse farsi andar bene tutto? Game over scrivevano gli ultras fino a pochi giorni fa. Adesso, game over, pare averlo detto anche lo stesso Diego Della Valle.  Altro che ripartenza. All’orizzonte non ci sono arcobaleni viola, come auspicato da qualcuno. Ma solo nuvole, scure, molto scure. Trovare le soluzioni non spetterà di certo a chi scrive, né tanto meno ai tifosi, come forse qualcuno si aspetta. Ci sono oneri e onori. E quando si decide di fare calcio bisogna prendersi entrambi.

138
Commenta la notizia

avatar
  Subscribe  
ultimi più vecchi più votati
Notifica di
Giancampi
Ospite
Giancampi

Semplice soluzione
Vendere chiesa e chi ha mercato poi andare da nardella e lasciare sul tavolo le chiavi del franchi.
Se io fossi il Diego farei così

Viola45
Tifoso
Active Member

Nonostante la buona volonta’ e gli investimenti fatti questa famiglia non è riuscita ad avere un feeling con la citta’ e nemmeno con i tifosi. Credo che in 18 anni di gestione si riesca (anche per sbaglio) a vincere qualcosa e invece per troppi motivi questo non è accaduto. Vediamo nelle coppe europee che ci sono ben quattro squadre inglesi che si giocano le due coppe europee. Oltre alla passione per il calcio serve competenza e soldi. Allora voltando pagina si deve trovare un Team Sportivo competente, una Societa’ sempre presente (come il Presidente) e con investimenti e acquisti mirati… Leggi altro »

san drino
Ospite
san drino

I miei complimenti all’autore di questo articolo.

Cosmat
Member
Cosmat

io pretendo che CHE FIRENZE NELLA POLITICA NEI GIORNALISTI NELLE SUE CARICHE PIU IMPORTANTI RISPONDA A QUESTO INSULTO … QUESTO è UN INSULTO ALLA CITTA…. CAVOLO DOVE SIETE SCONCERTI, FERRARA, FORZA … DOVE SIETE… PENNIVENDOLI…. QUESTO HA INSULTATO UNA CITTA INTERA…. NON SI PUO PERMETTERE A QUESTO PREPOTENTE DI TRATTARE COSI UNA CITTA E UNA STORIA…

Fabrizio P.
Ospite
Fabrizio P.

Su Ragazzi che problema c’è tanto va bene anche il macellaio come presidente accanto alla sede 1926. SFV.

Daniele
Ospite
Daniele

Dieci e lode! Caro Biagiotti, non sarai per caso punito dalla redazione?

Violanellanima
Ospite
Violanellanima

Sarebbe bello un derby FIORENTINA vs Florentia Viola….

Valter
Ospite
Valter

Ma chiunque.. che sia serio.. parla chiaro fin da subito, perchè? Perchè il tempo è denaro, perchè la tifoseria è una componente importante, perchè tutti devono remare dalla stessa parte, perchè più si fa gruppo e meglio è.. E ora siamo stanchi di questo personaggio che ci insulta l’intelligenza. Il tuo tempo è finito. Vattene e vendi la Fiorentina ad un prezzo equo, ovvero ad un prezzo molto svalutato visto come è stata gestita a cxxxo dai tuoi fedeli gnigni e corvo, e di questo puoi ringraziare i tuoi dirigenti.. Noi te l’abbiamo detto più volte che i tuoi uomini… Leggi altro »

Lorenzo69
Tifoso
Lorenzo69

se dico quello che penso sui fratellini mi bannate a vita.
Allora vi lascio immaginare …..
VIA I DELLA VALLE DA FIRENZE!!!!
FORZA VIOLA FOREVER!!!

Gaesill
Ospite
Gaesill

Intervengo solamente per qualche considerazione e non per imbarcarmi in discussioni che di questi tempi finiscono sempre in insulti. Dico solo che è chiaro ed evidente che da qualche anno la Società sta sbagliando tutto. Ma è anche chiaro che ormai siamo arrivati al punto di rottura totale. Ed io la vedo nera. Ci sono tanti che gridano “muoia Sansone e tutti i Filistei “. Qui quella che sta morendo è la nostra Fiorentina. I Della Valle molleranno tutto. E dopo chi verrà.? Onestamente c’è da rabbrividire, e molti, pur di mandare via i Della Valle, o meglio pur di… Leggi altro »

rep
Ospite
rep

….nessuno può andar via , senza un altro proprietario…ma che stai dicendo ?
E comunque è dura farvi capire che sono già 4
anni che hanno mollato e lo vediamo bene ..o meglio ,
te non l’hai visto di sicuro…
ma da certe pseudoargomentazioni si vede proprio
l’isteria che hanno i filoDV molto più di chi li
contesta…la paura del vuoto…il terrore di Gubbio…
ma eravamo molto più vivi allora di adesso

Articolo precedenteSerie A, tre gare in giornata. Stasera in campo la Fiorentina
Articolo successivoDi Gennaro: “DDV ha agito di pancia. Lo strappo non serve a nessuno”
CONDIVIDI