Un Franchi da riempire. Montella va avanti con Neto… le polemiche non servono

0



Smaltita la sosta per le gare delle nazionali, da oggi la Fiorentina torna in campo (i nazionali rientreranno mercoledì) per preparare un mese di aprile dove si deciderà gran parte del futuro stagionale.
Sarà un aprile dove non ci sarà la possibilità di allenarsi con continuità, di poter rifiatare, visto che i viola tra campionato, Coppa Italia ed Europa League giocheranno ben 8 partite. Di queste 5 si giocheranno al Franchi, e questo permetterà un recupero un po’ più veloce da gara a gara visto che non ci sarà sempre bisogno di prendere un aereo, un treno e tornare a Firenze a notte fonda.
E’ visto che gran parte di queste gare si giocheranno al Franchi viene spontaneo fare un appello: massimo rispetto per le possibilità di ogni tifoso, soprattutto in questo periodo di continua crisi economica per tutti. La Fiorentina, però, mai come quest’anno ha la possibilità di fare, conquistare, qualcosa di veramente grandioso. Ci sarà veramente bisogno dell’apporto di tutti. Immaginiamo con qualche sacrificio personale. Servirà un Franchi sempre pieno, pronto a incitare, ad aiutare la squadra come solo i tifosi viola sanno fare. Servirà, in questo senso, anche un ‘aiuto’ da parte della società viola perché alla fine possa applicare prezzi contenuti, sostenibili un po’ per tutti. Meglio uno stadio esaurito con prezzi più bassi che uno stadio con molti spalti vuoti ma con prezzi pieni. Vedremo cosa accadrà nei prossimi giorni.
rigore neto ljajicQuestione portiere. Sabato riprende il campionato e in porta contro la Sampdoria dell’ex Mihajlovic, secondo quanto raccolto da Fiorentina.it, Vincenzo Montella in porta continuerà a far giocare Neto. Tatarusanu ha recuperato dal suo infortunio ma in questo momento il tecnico viola non vuol cambiare gli equilibri che la squadra ha trovato. Il tutto senza dimenticare che Montella ha sempre giudicato Neto più forte di Tatarusanu. Che comunque si è dimostrato un buon portiere, probabilmente andando anche oltre alle previsioni. E che con tutta probabilità partirà titolare nella prossima stagione. L’importante, però, è che adesso non riscoppi la polemica Neto si, Neto no. Quello che conta è la Fiorentina. Quello che conta è vedere finalmente la Fiorentina vincere. E se per fare questo ci sarà bisogno di Neto (promesso vero alla Juventus ma negli ultimi giorni sono emersi problemi col club bianconero, chissà che non si possa veramente riaprire un certo discorso…) come scelto dallo stesso Montella allora dovrà essere così. Nessuna polemica, nessun ragionamento di pancia o di troppo orgoglio. Poi, al termine della stagione vedremo…adesso tutto deve essere fatto per il presente della Fiorentina che potrebbe regalare a Firenze e ai tifosi viola qualcosa di veramente straordinario…

Autore: Gianni Ceccarelli, Fiorentina.it