Un Napoli troppo fragile: sotto accusa la difesa e Koulibaly

di Mimmo Malfitano - La Gazzetta dello Sport

5



Nelle prime tre giornate la squadra di Ancelotti ha subito sei reti. Preoccupa l’involuzione del difensore centrale, tornato molto stanco dal Mondiale

Quel gigante lì fa meno paura. Lo dicono i numeri messi insieme dalla difesa del Napoli dopo le prime tre giornate. Sei reti subite, contro le due rimediate nello stesso periodo dello scorso campionato. Un dato che sta evidenziando una vulnerabilità inaspettata, perché proprio la difesa è sempre stata una certezza.

È sorprendente, dunque, il riferimento statistico. C’è qualcosa che non funziona ancora come dovrebbe negli schemi di Carlo Ancelotti. Oppure, fin qui, è mancato l’apporto di alcuni imprescindibili. Lì dietro, non s’è ancora visto il miglior Koulibaly, per esempio.

Strano, ma è così. Il suo contributo è stato decisamente inferiore allo standard abituale, troppe le incertezze e gli errori commessi in questa prima fase della stagione. Insieme ad Albiol, che con lui forma la coppia centrale, non ha saputo imporsi alle insidie avversarie, ha sofferto contro Lazio e Milan, ma le rimonte finali hanno garantito al Napoli due vittorie.

L’INVOLUZIONE. Alla terza, però, le criticità sono venute fuori in modo abbastanza evidente. Contro la Sampdoria, il difensore senegalese è stata abbattuto dalla determinazione di Defrel, autore di una doppietta, un vero e proprio incubo per la difesa napoletana. La notte di Marassi, poi, è stata per lui ancora più buia dopo lo straordinario colpo di tacco di Quagliarella, per il terzo gol, che l’ha lasciato sulle gambe.

Se fosse così, sarebbe un problema serio per Carlo Ancelotti. Ma è improbabile che Koulibaly continui a sbagliare. In questa prima parte della stagione è possibile che stia pagando il carico di energie profuse per il suo Senegal durante il Mondiale russo, un’esperienza che si è conclusa subito dopo la fase a gironi, con l’eliminazione.

Dunque, è probabile che l’involuzione del momento sia caratterizzata soltanto dal fattore fisico, da una condizione che non è ancora al meglio e che potrebbe esserlo nel giro di qualche partita, magari in tempo utile per l’esordio in Champions League.

5
Commenta la notizia

avatar
ultimi più vecchi più votati
azzuzzissimo
Ospite
azzuzzissimo

e risapute d’ atutti anNoi cui che Culibalì tiene stanghezze e soffio al quore.

I picca della Canova
Ospite
I picca della Canova

Lottando su tutti i palloni possiamo fare bene a Napoli!! Avanti Viola siamo con voi!

Hatuey
Tifoso
Hatuey

Il Napoli e’ molto forte, inutile negarlo, e non sara’ facile. La difesa prende gol perche’ il Napoli era abituato a tenere palla e quest’anno subisce molto di piu’. Su questo Ancelotti avra’ gia’ lavorato in questa pausa. Poi ha dei giocatori che vengono dal mondiale e quindi non sono in forma.
In ogni caso resta una trasferta molto difficile.

Pippo 72
Ospite
Pippo 72

UHM…..a me questi articoli dove si prospettano eventi positivi a pro nostro mi garbano poco !!

fossi i giocatori e Pioli (ma sicuramente non sono bischeri e quindi lo faranno) ci anderei sempre come non favorite a napoli, con la mentalità giusta e non con il discorso che loro sono in crisi…si rischia di prendere la batosta !!

Forza Viola !!

cerbero
Ospite
cerbero

li scrivono solo per poter criticare di piu dopo la sfortunatemnte probabile sconfitta.

Articolo precedenteDopo 19 anni dalla stagione 2021-2022 tornerà la terza competizione europea
Articolo successivoFascia di Capitano: verso una deroga della Lega Calcio per onorare Davide Astori
CONDIVIDI