Un punto e domenica c’è da battere l’Inter. Sousa-Della Valle: serve chiarirsi per il bene della Fiorentina

0



Contro il Bologna servivano i tre punti per rimanere solitari al terzo posto in classifica e affrontare al meglio l’Inter domenica prossima a Firenze. Alla fine però i punti conquistati è stato uno solo. Sarebbero stati tre, probabilmente, se Matias Fernandez non avesse deciso di compiere quel folle fallo davanti all’area del Bologna. Ha messo in difficoltà i suoi compagni, la Fiorentina.
Resta il fatto che dal Dall’Ara è comunque uscita una Fiorentina che nonostante le tante assenze ha ritrovato il suo gioco. Dato importante per tornare a vincere le partite. Una Fiorentina più reattiva, determinata, che sapeva controllare la partita senza rischiare niente.
La sfida contro la formazione di Donadoni, però, ha manifestato un problema che la Fiorentina si porta dietro da tempo: quello del gol.
Ancora una volta Babacar ha avuto la possibilità di dimostrare quanto possa essere importante per la squadra, invece ancora una volta ha fallito l’occasione. Ha fallito anche un gol praticamente già fatto su assist di Tello, invece niente.
E’ vero che Bernardeschi si è fatto trovare al posto giusto nel momento giusto (suo primo gol in questo campionato e primo gol ‘italiano’ della squadra sempre in campionato) ma la squadra deve saper concretizzare le azioni da gol create.
Kalinic entrato nel secondo tempo ha dato segnali di crescita sotto il punto di vista della condizione, adesso deve tornare a fare gol dopo il periodo di appannamento.
paulo sousaDomenica arriva l’Inter e servirà la miglior Fiorentina. Con tutta probabilità Sousa recupererà Alonso e forse anche Badelj.
Servirà la maggior tranquillità e serenità in tutto l’ambiente per preparare al meglio questa gara. Che potrebbe essere il crocevia di tutta la stagione.
L’auspicio è che Sousa e i Della Valle in settimana parlino in privato e si chiariscono. Secondo quanto raccolto da Fiorentina.it la situazione sarebbe meno grave di quanto emersa nelle ultime ore, certo è che sentendo gli umori della città, dei tifosi, dei social, dei siti internet e delle radio la maggior parte delle persone sarebbe dalla parte del tecnico portoghese. Di sicuro non sembra esserci più l’atmosfera e l’aria degli anni scorsi. Vedremo cosa accadrà.
Certo è che tutto dipenderà sempre dai risultati, ma in tutta questa storia l’unica che ci rimette davvero è la Fiorentina. Ecco perché serve chiarirsi, ripartire tutti assieme verso un obiettivo ancora tutto alla portata dei viola…

Autore: Gianni Ceccarelli, Fiorentina.it