Un terzo di campionato: niente salto di qualità, viola nella ‘terra di mezzo’

11



La Fiorentina ha raccolto appena 5 punti nelle ultime 5 partite, quando era chiamata allo scatto in avanti. Nessuna crescita.

Non è un giallo dove, di norma, tre indizi fanno una prova. Qui si parla di calcio e, prima di arrivare a sentenza, è giusto passare attraverso difficoltà, cadute, risalite, progressi, crisi di «rigetto». Eppure, dopo (circa) tre mesi, e dodici giornate di campionato, è giusto tirare una riga. Un terzo di stagione se ne è andato e, alla vigilia del ciclo di impegni che si è chiuso (malissimo) domenica, era stato lo stesso Montella a dirlo: «Le prossime cinque gare ci diranno cosa vogliamo fare da grandi». Il risultato? Non proprio esaltante. Anche perché, dopo un ciclo di ferro superato andando probabilmente oltre le aspettative, forse ci si aspettava qualcosa di più. Così scrive il Corriere Fiorentino.

INVOLUZIONE. La Fiorentina aveva chiuso la precedente sosta con tre successi consecutivi, aveva sbancato San Siro dando spettacolo (contro il Milan) ma soprattutto, l’allenatore, aveva trovato un equilibrio che pareva perfetto. Alla ripresa, Ribery e compagni erano attesi da cinque partite che, sulla carta, offrivano l’opportunità per salire sul treno dell’alta classifica. Il bottino, alla fine, è stato scarno: due pareggi (con Brescia e Parma), una vittoria col Sassuolo, e due sconfitte. Con la Lazio, e in Sardegna. Cinque partite, cinque punti. Invece che fare il salto di qualità insomma, ci si è fermati.

TERRA DI MEZZO. Oggi la Fiorentina è nona in classifica, lontana sei lunghezze dal sesto posto che vale l’Europa, ha messo insieme 16 punti, frutto di quattro vittorie, quattro pareggi e quattro sconfitte. Un percorso che più lineare non si può. Un percorso da «terra di mezzo». Esattamente quello che ci si aspettava alla vigilia. Eppure, sarebbe sbagliato accontentarsi. La stagione, comunque, deve servire per crescere.

11
Commenta la notizia

avatar
  Subscribe  
ultimi più vecchi più votati
Notifica di
enzo - Rimini
Ospite
enzo - Rimini

Viola nella terra di mezzo per ora,aspettiamo qualche altra partita poi si vedrà,visto che il subentrante a Pioli quando prese la squadra era a centroclassifica poi …………..mi viene da piangiare al pensiero che tutti noi conosciamo della scorsa stagione e ora siamo da diverse partite sulla stessa strada.

Alex55
Ospite
Alex55

E ‘ giunta L ora di vedere il lavoro sotto traccia slow slow di Prade che frutti darà dopo 6 mesi x portare a Firenze un centrocampista e un centravanti con la “C” maiuscola .Commisso è troppo parsimonioso è prudente a spendere X portare X orgoglio Chiesa a fine contratto e perdere di sicuro altri 50/60 ml dopo tutti i migliori che getta al vento X non riuscire a vendere Dabo Thereau Esseric Benassi e altri vari bidoni in panchina.

Ales
Ospite
Ales

Crediamo a quello che hanno programmato squadra competitiva in due tre anni. Difficile fare prima anche senza facili esempi .

Albe47
Ospite
Albe47

Chi ha scelto Badelj come titolare ha commesso un grave errore ti valutazione
Prade’ e Montella
Rimediate subito e no all’ultimo giorno di mercato di Gennaio
SVEGLIATEVI …..vengo io gratis a fare il vs/lavoro se non siete buoni

Paolo
Ospite
Paolo

Squadra di medio bassa classifica con un allenatore mediocre.
Ps dove sono i tifosi che ad Agosto erano contenti del ritorno di Badely e insultavano chi criticava il mercato????

Aliush
Ospite
Aliush

E ci poteva stare di essere nella terra di mezzo. Mi auguro solo di non scendere più giù.

Batigol,pc
Ospite
Batigol,pc

…..”terra di mezzo” per ora….avanti con Montella e senza rinforzi,a presto la “terra di sotto”….

Francesco (Lode a te Dino Pagliari)
Ospite
Francesco (Lode a te Dino Pagliari)

a questa squadra manca un centrocampista di qualità che sostituisca badely (badely dovrebbe essere l’ottima riserva, non il titolare) ed una punta, anche “stagionata”, ma in grado di buttarla comunque dentro (uno alla Toni o Ibrahimovic, per intendersi). Tuttavia penso che alla squadra manchi sopratutto un allenatore “di polso”, cioè uno che riesca a far dare il 110% ai suoi giocatori: quello che manca a Montella, secondo me, è proprio la capacità di motivare…guardatelo in panchina…Conte, Inzaghi, ad esempio, sono trascinatori, hanno capacità di scuotere, motivare…Montella invece è soporifero…a Cagliari, quando c’era bisogno di una reazione, di incazzarsi, di tirare… Leggi altro »

Sinapsilondon
Tifoso
Sinapsilondon

LUNGA VITA A FIRENZE PER VINCENZO
spalletta mai alla fiorentina
simpatico come la M nei tubi
allenatore normalissimo sopravvalutato

FORZA VIOLA SEMPRE

Albe47
Ospite
Albe47

Cambiamo subito allenatore prima che sia troppo tardi
Ve ne sono tanti meglio di Montella
Uno per tutti Prandelli

MARCO
Ospite
MARCO

prandelli lo riprenderei!! anche se dal punto di vista del carisma cambierebbe poco!!:-)

Articolo precedenteMondiale U17, finisce il sogno dell’Italia: Dalle Mura ci prova, ma passa il Brasile
Articolo successivoSGUARDO AL FUTURO: Gori ‘cecchino’, bene Ferrarini. Esordio per Diks (VIDEO)
CONDIVIDI