Una sola certezza in mezzo al campo: le scelte di Pioli per sfidare la Lazio

di Benedetto Ferrara - La Repubblica Firenze

5



Per la gara di domenica all’Olimpico contro la Lazio sono diversi i dubbi di formazione, soprattutto a centrocampo, che l’allenatore viola deve sciogliere

Jordan sicuro. E poi? Perchè è il centrocampo resta il reparto più complesso da gestire. Ci sono molte possibilità, e Pioli deve giocarsi le sue carte. Domenica in casa della Lazio il tecnico dovrà probabilmente ( ma non è certo) fare a meno di Benassi, alle prese con una contusione alla caviglia.

Come riporta La Repubblica Firenze, quindi la domanda è conseguente: che tipo di centrocampo servirà per provare a giocarsela all’Olimpico? Una certezza, naturalmente, c’è: Jordan Veretout, corridore tostissimo e centrocampista ovunque, spirito infuocato e regista si fa per dire, anche perchè questa Fiorentina davanti alla difesa ha bisogno di un muro dotato di senso pratico più che di un geometra con funzioni di play.

LA REGIA. Questa è stata la decisione della società e così Pioli ha spostato Veretout in quel ruolo, e lui ci ha messo applicazione ed entusiasmo, come sempre. Inevitabile che l’inizio fosse difficile, ma quando hai cervello e spirito di sacrificio ogni problema trova la sua soluzione. Quindi il francese resta lì, è il mondo che gira intorno a lui. E Pioli deve scegliere tra un centrocampo più propositivo e uno più prudente. In nomi in gioco naturalmente sono tre: Gerson, Edimilson e Dabo.

Il primo è quello tecnicamente più dotato ma anche il meno affidabile dal punto di vista della coerenza. La Roma lo ha mandato a Firenze proprio per provare a capire se il ragazzo è in grado di mantenere le premesse che lo avevano fatto valutare più o meno 17 milioni. Gerson ha un buon passo e tecnica di alto livello, solo che fino ad oggi, anche a Firenze, ha dato l’idea di non essere ancora riuscito a entrare nel groove di questa Fiorentina e, soprattutto, di non essere sempre all’altezza delle situazione nella fase difensiva.

TALENTO DA ACCENDERE. Pioli sa bene che Gerson è un talento naturale di altissimo livello e sa che se la testa inizia ad andare di pari passo con la tecnica il centrocampo della Fiorentina può davvero fare un grande salto di qualità. Lui d’altra parte ha accettato Firenze anche dietro a una mezza promessa di un ruolo da titolare. La fiducia c’è, ma è chiaro che da lui ci si aspetta di più.

E soprattutto è giusto chiedersi: se lui gioca interno all’Olimpico, al posto di Benassi può giocare Edimilson, altro giocatore più offensivo che di contenimento? Se Gerson aveva giocato a lungo nel ruolo di esterno offensivo per poi provare a rinascere come mezzala, lo svizzero era più che altro un centrale con caratteristiche offensive, e per questa ragione Pioli lo aveva scelto per sostituire Veretout quando era squalificato.

Ma Edimilson ha anche giocato trequartista e il dubbio che sta crescendo nella testa di Pioli riguarda la possibilità di virare sui muscoli di Dabo per dare peso al centrocampo. Ipotesi reale, ma non per questo molto accreditata, anche perchè fino ad oggi la Fiorentina migliore è sempre stata quella nella versione “ coraggiosa”, il che fa pensare che l’opzione Dabo non sia la favorita. L’unica certezza in ogni caso è il solito Veretout, prossimo al rinnovo del contratto. Dire che se lo è guadagnato sul campo è davvero il minimo.

5
Commenta la notizia

avatar
ultimi più vecchi più votati
Ste
Ospite
Ste

Meglio il 352. Secondo, senza palla senz’altron ci siamo proprio. Poi troppo lenti. Speriamo in norgaard, o come si scrive. Anche pjaca fuori…..almeno fino a quando non cambia……ciao belli

Dellavalliano
Ospite
Dellavalliano

Corsa e ritmo alto… Giochi chi sta meglio, loro giocano ogni tre giorni da un mese. Spero recuperi Benassi perché al momento è il centrocampista che ci dà più equilibrio.

Hector - Tavernerio (CO)
Ospite
Hector - Tavernerio (CO)

L’altra certezza dovrebbe essere David Hancko, ma……

VIOLASOUL
Ospite
VIOLASOUL

La partita contro la Lazio va studiata nei minimi particolari. Loro sono già una grande; hanno una rosa da far paura; sono una squadra tecnica e di fisico come poche; in più hanno Immobile e Milinkovic. Ecco se fermiamo questi 2 giocatori, forse un pareggio lo sappiamo. Sarà difficile, ma pareggiare in casa Lazio è come vincere colla Juve. FV

Tiziano 51
Ospite
Tiziano 51

“Questa è stata la decisione della società ” non suona incoraggiante, dato che è l’allenatore a mandare in campo la squadra.
Boh?!
Comunque confido in una Fiorentina aggressiva e spigliata: non abbiamo obiettivi dichiarati, salvo uno striminzito settimo posto che vorrebbe dire stravolgere tutta la preparazione estiva per un mare di incertezza.
Meglio giocare a testa alta, divertirsi a giocare e far divertire chi guarda. Chissà mai che arrivino pure i risultati…anche perché la Lazio arriverà sfiancata dalla trasferta europea e priva, spero, di quella spina nel fianco che è Lukaku.

Articolo precedenteLazio-Fiorentina, sarà Orsato ad arbitrare il match. Al Var ci sarà Guida
Articolo successivoSerie A, tutte le designazioni. Dopo Fiorentina-Atalanta fermati Valeri e Doveri
CONDIVIDI