Una ‘squadra’ di ex viola al Mondiale: da Salah-Cuadrado a… Hegazi-Gomez-Benalouane

11



JUVENTUS-FIORENTINA 05-03-2015. COPPA ITALIA. esultanza della fiorentina dopo il gol di mohammed salah del 0-1. GALASSI SILVANO

Ben 15 (quasi 16) gli ex Fiorentina presenti a Russia 2018: chi è atteso protagonista, chi a Firenze è stato solo di passaggio… e chi vuole rilanciarsi in Nazionale.

Manca solo il portiere. Poi la ‘rosa’ degli ex viola al Mondiale sarebbe al completo (anche se non proprio competitiva in tutti i reparti). Una vera e propria ‘squadra’ di giocatori passati da Firenze negli ultimi anni, impegnati in Russia in questi giorni. Tra meteore e protagonisti, tra chi ha dato addio al veleno e chi invece ha lasciato pochissime tracce di sé.

Si parte dalla difesa. Ieri hanno già visto il campo due ex viola: il primo è stato Ahmed Hegazy, 4 presenze e 1 gol con la Fiorentina di Montella in due anni e mezzo (e due infortuni gravi al ginocchio). Lo chiamavano il ‘Nesta d’Egitto’, è rinato al West Bromwich fino a guadagnarsi un posto da titolare in Nazionale: con il suo Egitto, però, è stato beffato all’esordio dal gol di Gimenez al 90′. Giocherà poi contro Russia ed Uruguay. Esordio sfortunato anche per Manuel Da Costa: portoghese naturalizzato marocchino, con il Marocco è entrato all’82’ ma è stato sconfitto a causa dell’autogol di Bouhaddouz al 95′ contro l’Iran. Arrivò a Firenze nel gennaio 2008 per 4,5 milioni con Corvino, poi fu scambiato con Savio Nsereko dopo appena 2 presenze in viola. Le prossime sfide saranno contro Portogallo e Spagna.

Deve ancora esordire con il Messico, invece, Carlos Salcedo: tra i papabili titolari dei sudamericani dopo la buona stagione all’Eintracht, in viola giocò 20 partite con Sousa. L’esordio sarà contro la Germania, poi sfiderà Svezia e Corea del Sud. Vera e propria meteora a Firenze, anzi ‘simbolo’ di ciò che poteva essere ma non è stato, Yohan Benalouane: altra stagione ai margini al Leicester, è nel gruppo della Tunisia che sfiderà Belgio, Inghilterra e Panama.

Tra i centrocampisti, ha già fatto il suo esordio Matias Vecino: 87′ con l’Uruguay, prova non eccezionale ma i suoi hanno vinto nel finale contro l’Egitto. Sfiderà poi Arabia Saudita e Russia. Convocato nella Svizzera che esordirà domani contro il Brasile, invece, Valon Behrami, nonostante la stagione non troppo felice all’Udinese. 50 presenze in due anni alla Fiorentina, dopo i verdeoro sfiderà Serbia e Costa Rica. C’è poi anche Jakub Błaszczykowski, detto Kuba: 20 presenze e 2 gol con Sousa, è da anni un punto fermo della Polonia. In Russia esordirà contro il Senegal, per poi sfidare Giappone e Colombia. Proprio nei ‘Cafeteros’ sudamericani ci sono altri due ex Fiorentina: il primo è Carlos Sanchez, ufficialmente ancora di proprietà viola ma in prestito da gennaio all’Espanyol. Il secondo è Juan Cuadrado, una delle frecce offensive di Pekerman. Entrambi pronti a recitare un ruolo da protagonisti, esordiranno contro il Giappone.

Quindi l’attacco: la stella è Mohamed Salah, reduce dalla strepitosa stagione al Liverpool. Ha saltato la gara d’esordio del suo Egitto contro l’Uruguay, dovrebbe essere in campo nelle successive sfide con Russia e Arabia Saudita. Al Mondiale c’è anche Mario Gomez: 33 anni da compiere il 10 luglio, è un fedelissimo di Loew che lo ha portato con sé suscitando anche qualche polemica in Germania. Aveva saltato il Mondiale 2014 per gli infortuni in maglia viola, è tornato alla ribalta grazie agli 8 gol in 16 partite da gennaio con lo Stoccarda. I tedeschi esordiranno contro il Messico, per poi sfidare Svezia e Corea del Sud.

Al Mondiale, con la Svizzera, anche Haris Seferovic: 12 presenze e 1 gol in viola tra Mihajlovic e Montella, nell’ultima stagione 7 gol complessivi al Benfica. Con i suoi sfiderà Brasile, Costa Rica e Serbia. Affrontando, nel match contro la selezione balcanica, Adem Ljajic. Stagione tra luci ed ombre al Torino, così come altalenante è la storia di Adem con la Nazionale serba. Ora sembra avere un ruolo importante, certificato dalle ultime uscite pre-Mondiali dei suoi. Infine, i croati. Con Nikola Kalinic reduce dall’annata complicata al Milan e non più trascinatore come ai tempi viola, con Ante Rebic che al contrario si è rilanciato all’Eintracht Francoforte diventando una scheggia impazzita per gli schemi offensivi. Con loro anche Milan Badelj, di fatto un (quasi) ex viola, anche se arriva in Russia da capitano della Fiorentina. La Croazia esordirà stasera contro la Nigeria, per poi affrontare Argentina e Islanda. Forse il girone più equilibrato.

11
Commenta la notizia

avatar
ultimi più vecchi più votati
matteo praga
Ospite
matteo praga

Secondo me siamo al punto di rimpiangere pure un Blascikoski o un Rebic qualsiasi…. tale è la mediocrita della Fiorentina attuale…. Lo stesso Salcedo ci farebbe un gran comodo….

Star8060
Tifoso
Antonio Tamburini

un Mondiale con gli esuberi eccellenti della viola e’ un mondiale di incapaci.

marco
Ospite
marco

c’è anche Brillante nell’Australia

Grandeviola
Tifoso
Grandreviola

A mio modo di vedere chi ha ceduto Rebic è un incapace, incomprensibile!!!

Marius
Ospite
Marius

Il cervello umano è una macchina perfetta. Per self-protection, ho completamente rimosso ogni immagine di Salcedo dalla mia memoria. Leggere che ha giocato 20 partite con Sousa… mi verrebbe da chiedere, ma quando? Ma davvero?

Momo
Tifoso
momo

Strani giochi del destino o scarsa capacita’ professionale in prospettiva? Questa sera Rebic in campo e Pjaca in panca.

chori
Ospite
chori

E Rebic è addirittura al secondo mondiale, sicuramente non è un brodo,ma credo sia altrettanto vero che in patria abbia sempre goduto di una buona stampa.

angelo scandicci
Ospite
angelo scandicci

e rebic gioca pure con i parastinchi viola con il giglio della fiorentina…

Viceversa
Ospite
Viceversa

Per molti fiorentini il mondo comincia a Ellera e finisce a Lastra Signa. Per questo ci tocca vedere definiti “bidoni” su questo sito dei giganti del calcio come Socrates, Lacatus e Gomez solo perché a Firenze non hanno reso secondo le aspettative.

Marius
Ospite
Marius

Secondo me più in là del “girone” non sono mai andati. .. 🙂

stefano
Ospite
stefano

mediocrità assoluta

Articolo precedenteIl Chievo si tiene Tomovic: alla Fiorentina un milione di euro
Articolo successivoCampagna abbonamenti, l’obiettivo della Fiorentina è superare 20 mila tessere
CONDIVIDI