Viola negli USA: rivivi la cronaca dell’allenamento pomeridiano a Charlotte

Dal nostro inviato a Charlotte Niccolò Misul

0

Rileggi la cronaca del secondo allenamento della giornata dei viola alla University of North Carolina a Charlotte

23.45 – Alle 17.45 locali la Fiorentina ha fatto ritorno alla University of North Carolina, nella struttura che ospita gli allenamenti dei viola a Charlotte. Nel corso del pomeriggio un’intenso acquazzone ha colpito la città americana, e quindi la temperatura si è abbassata rispetto ai 35-38° che avevano caratterizzato la sessione mattutina.

00.00 – Alle 18 locali la squadra fa il suo ingresso in campo. Si parte con il riscaldamento.

00.15 – Squadra divisa in due gruppi: si passa al torello con tocchi di prima.

00.30 – La maggior parte della squadra di esercita a metà campo su schemi di attacco e difesa. Un gruppo più ridotto, che comprende Simeone, Chiesa, Hancko e Baez, invece si esercita con Nicola Caccia nelle conclusioni a rete.

00.35 – Baez e Vlahovic si danno il cambio nei rispettivi gruppi.

00.47 – Adesso si riuniscono i due gruppi. Montella sceglie le squadre e dà il via alla partitella a campo ridotto nella quale i giocatori sono chiamati a rispondere alle precise indicazioni di gioco del tecnico: mentre una squadra, con la casacca gialla, attacca in dieci, l’altra, che gioca con due uomini in meno, prova la fase difensiva.

Non prende parte all’esercizio Chiesa, impegnato in un allenamento personalizzato. 

01.00 – Montella mischia le squadre e dà il via a una nuova partitella. Chiesa dà il cambio a Milenkovic in campo, con il serbo che prosegue l’allenamento con un lavoro personalizzato.

01.22 – Allenamento terminato. I giocatori si dedicano adesso al lavoro di scarico e stretching.

01.28 – I giocatori rientrano negli spogliatoi. A breve si sottoporranno alla classica seduta di crioterapia e poi rientreranno in hotel.

Commenta la notizia

avatar
  Subscribe  
Notifica di
Articolo precedentePedullà: “Chiesa, tempo a favore dei viola. Commisso può mantenere la parola data”
Articolo successivoIl nome di Llorente conferma due costanti nel mercato viola: ricerca di giocatori d’esperienza e attenzione ai parametri zero
CONDIVIDI