Viola, occhio alla ripresa dopo la sosta natalizia. Lo scorso anno sconfitta a Parma

    0



    Sousa carpiNEI PRIMI quarantadue anni della sua storia in A, dal 31/32 fino al 74/75, la Fiorentina non aveva mai perso la prima gara dopo la sosta natalizia, totalizzando 6 vittorie e 2 pareggi. Fra i successi anche un 1-0 casalingo contro la Juventus, gol di Petrone, l’8 gennaio del ‘33. E un altro 1-0 a Pisa, siglato da Amarildo, che nel 68/69 le consentì di balzare al primo posto della classifica. Poi, nel 74/75, la prima sconfitta per 2-1 a Cagliari. E da lì, fino alla retrocessione e al fallimento del 2001/02, una serie alterna di risultati con un bilancio di 6 vittorie, 8 pareggi e 8 sconfitte. 

    TUTTAVIA non erano mancate anche le soddisfazioni, come il 4-2 del «Franchi» sull’Inter del 3 gennaio ‘82, che rafforzò il primato in classifica. E il 3-1 sul Napoli di Maradona, futuro campione d’Italia, nell’86/87. 
    Infine durante l’era Della Valle le vittorie per 2-1 a Parma (07/08), per 5-1 a Siena (09/10), per 3-0 a Novara (11/12) e l’ 1-0 del «Franchi» sul Livorno (13/14), che costò il gravissimo infortunio a Rossi. I pareggi con Reggina, Sampdoria e Bologna. E le sconfitte contro l’Atalanta del 2004/05, quelle in casa, sfortunate e amarissime, per 1-2 con il Lecce (08/09) e per 0-2 con il Pescara (12/13). E l’ultima, inaspettata, per 1-0 con il Parma, fanalino di coda dello scorso campionato.