Vitor Hugo: “Pari non male, ma potevamo vincere. Dobbiamo credere nel lavoro del mister”

4



Il difensore viola ha parlato dopo l’1-1 di Torino, soffermandosi sulle difficoltà e sui cambiamenti in attacco.

In zona mista a Torino si presenta Vitor Hugo. Ecco le sue parole: “Il pareggio fuori casa non è un brutto risultato, ma potevamo anche vincere. Ora riposiamoci che la prossima gara sarà dura in casa nostra (con la Roma, ndr)”.

COSA NON HA FUNZIONATO?Abbiamo calciato troppe palle lunghe, loro avanzavano spesso. Nella ripresa abbiamo provato a giocare di più, è andata meglio”.

DIFFICOLTA’ IN ATTACCO?Stiamo lavorando ogni giorno per fare meglio in attacco così come in difesa, davanti hanno sbagliato ma anche dietro perché abbiamo preso un gol evitabile”.

ATTACCO OGGI DIVERSO? “È una prova che il mister ha fatto, bisogna credere nel lavoro del mister che fa tutto il meglio per la squadra. Siamo undici che entriamo, non ci sono undici titolari. Il calcio è così, si cambia sempre. Lavoriamo e anche chi è stato fuori tornerà a fare bene il suo lavoro”.

4
Commenta la notizia

avatar
ultimi più vecchi più votati
Violè
Ospite
Violè

Hugo a ogni partita tu fai paura. Anche stasera hai perso un pallone pericolosissimo. Pensa a giocare meglio e ad essere più solido perché così non dai nessuna affidabilità.

Marione
Ospite
Marione

Perchè i dislike?
Commento perfetto per chi non ha il prosciutto sugli occhi

gianni usa
Ospite
gianni usa

Certo il livello calcistico in Italia ‘ sempre piu’ basso e sapere come stoppare un pallone divnta un lusso
Se si pensa che Biraghi gioca in Nazionale mi pare ci sia poco altro da dire.

Gianni
Ospite
Gianni

Forse quando smetterete di credere al mister si potra’ assistere a delle partite con un minimo di gioco.
Fate una cosa: smettete di credere al maggiordomo cameriere vestito da pinguino

Articolo precedenteFrey: “Lafont mi ha chiamato subito in estate. Rigore su Belotti? Non c’era”
Articolo successivoPioli a Sky: “L’obiettivo è far crescere i ragazzi. Gli interni devono dare qualcosa in più”
CONDIVIDI