Voglia di ripartire e il turnover non c’è

di Matteo Magrini - La Repubblica Firenze

7



Nel frattempo, si gioca. La Fiorentina, oggi, ha bisogno di punti. Possibilmente tornando a convincere anche dal punto di vista del gioco. Del resto le giornate passano e, al netto della partita da recuperare col Genoa, la classifica rischia di restare un triste ibrido tra la zona che vale l’Europa e le sabbie mobili della lotta per non retrocedere.

Ecco perché quella di oggi pomeriggio al Dall’Ara (fischio d’inizio alle 18) è una gara che i viola devono assolutamente provare a vincere. Dall’altra parte, però, ci sarà una squadra tosta. E organizzata. Donadoni è allenatore esperto e preparato capace, per intendersi, di creare più di un problema a Paulo Sousa. «Rispetto alle ultime partite avremo molte meno opportunità», ha ammesso lo stesso tecnico portoghese. Ha ragione. Il Bologna non è né il Cagliari né il Crotone. Ha una tenuta difensiva migliore e, soprattutto, sa stare in campo con molto più equilibrio.

Il copione, sulla carta, dovrebbe essere sempre quello. Possesso palla alla Fiorentina, e rossoblu decisi a difendersi per poi ripartire. Ormai si sa. È questa la strada per mettere in difficoltà Borja Valero e compagni. Chiudere gli spazi, far densità, aggredire soltanto nella propria metà campo e poi via a cento all’ora una volta rubato il pallone. Per questo saranno fondamentali i ritmi. Far correre veloce testa e gambe, per non dar vita a quel predominio sterile (e orizzontale) che troppo spesso ha caratterizzato le prestazioni dei viola in questa prima parte di stagione. La domanda è: quanto cambierà Sousa? Questa è la terza partita in pochi giorni, giovedì ci sarà anche l’impegno in Europa League, ed è quindi normale che Paulino possa pensare ad un po’ di turnover. Eppure, lo stesso portoghese, ieri ha lasciato intendere che non ci saranno stravolgimenti. Questione di equilibri e, soprattutto, di ricerca della continuità. Dal punto di vista individuale e dal punto di vista collettivo. Il modulo, per esempio, dovrebbe esser lo stesso scelto sia a Cagliari che col Crotone.

Quel 4-4-1-1 capace di trasformarsi in 4-2-3-1 o, a seconda dei momenti, in 3-4-2-1. E gli interpreti? La sensazione è che, rispetto a mercoledì sera, ci saranno tre, massimo quattro cambi. Non di più. In difesa, per esempio, è lecito aspettarsi il ritorno tra i titolari di Tomovic, al posto di Salcedo, e di Milic, al posto di Maxi Olivera. Di certo, in mezzo al campo, tornerà Borja. Lo spagnolo farà coppia con uno tra Vecino (favorito) e Sanchez, e dai loro piedi passerà molto della prestazione viola. Rapidità e verticalizzazioni. Son queste le parole d’ordine. Confermatissimi, salvo sorprese, gli esterni. Tello da una parte, e Bernardeschi dall’altra. E poi l’attacco. Ilicic sarà ancora una volta l’uomo tra le linee a supporto dell’unica punta che, va da se, avrà il volto di Nikola Kalinic. Il croato ha segnato cinque reti nelle ultime due gare giocate da titolare e la sfida col Crotone ha dimostrato (se mai ce ne fosse stato bisogno) che questa Fiorentina non ne può fare a meno.

7
Commenta la notizia

avatar
  Subscribe  
ultimi più vecchi più votati
Notifica di
LORENZO CORRADO
Ospite
LORENZO CORRADO

Badelj va in scadenza nel 2018… no nel 2017!!!!!!!!!!!

Walter
Ospite
Walter

Nessuno ha centrato il problema vero di questa Fiorentina. Abbiamo grosse difficoltà quando dobbiamo affrontare squadre che si chiudano a riccio (vedi Milan, Atalanta, Crotone), mentre contro le squadre che accettano il confronto, andiamo a nozze (vedi Cagliari), specialmente se inferiori sul piano tecnico. La natura della squadra è questa, c’è poco da fare. Può darsi che migliorando lo stato di forma dei singoli, con maggiore velocità di esecuzioni, qualcosa cambi, ma se non troviamo la giocata per passare in vantaggio nei primi minuti, con certe squadre sarà sempre più difficile fare il pieno, specialmente in casa. Vediamo cosa succede… Leggi altro »

Ilgatto
Tifoso
ilgatto

Chiunque giochi,deve CORRERE!

Biliapolis
Tifoso
biliapolis

Certo che amate così tanto berna da metterlo a centrocampo ed in attacco, si dovrebbe sdoppiare, così giocheremo in nove.

Massimo
Ospite
Massimo

Non voglio più vedere Badelj, neanche tra i convocati. Un giocatore che dice di non voler più giocare con la squadra in cui è tesserato, merita di stare sempre in tribuna, anche fosse Messi: figuriamoci un giocatore normale come Badelj. Doveva essere ceduto nel mercato estivo. Certo, se non si abbassano le pretese rischiamo di perderlo a parametro 0 nel 2017. Quindi via subito a dicembre!!!

MoNrOo
Ospite
MoNrOo

A parametro 0 casomai lo perdi nel 2018.
Il 2017 è l’ultimo anno in cui venderlo bene se proprio si vuole.

Massi
Ospite
Massi

… occhio a Chiesa …

Articolo precedenteMingardi a FI.IT: ” Domani finisce in pareggio. Mi stupisce il rendimento della Fiorentina”
Articolo successivoDelio Rossi: “Sousa ha voluto mandare un messaggio. A Bologna dipende tutto dai viola”
CONDIVIDI