Voglia di Muriel. Il colombiano potrebbe scendere in campo subito dal 1’. Cercasi risposte da Norgaard

9



Il colombiano potrebbe partire dal primo minuto. Vincere per entrambe conta di più

Da anni il mantra è più o meno lo stesso: ‘la Coppa Italia come obiettivo per alzare al cielo un benedetto trofeo e come corsia preferenziale per l’Europa’. Purtroppo, però, la corsa viola a quel traguardo non vi è mai arrivata tra sfortune varie, demeriti, ed annesse guerriglie tra teppisti che di certo non hanno agevolato il compito. Stavolta, quanto mai, la strada appare in salita. Perché il divario con chi la Fiorentina andrebbe ad affrontare appare quanto mai netto: ben che vada col Torino ci sarebbero infatti Roma e Juventus sul cammino che porta anche solo alla finale. Ma tentar non nuoce.

Di fronte subito una prova per capire che 2019 attende la Fiorentina. Il Torino, infatti, non è solo l’avversario degli ottavi di finale di Coppa, ma è anche una diretta concorrente per il treno europeo. E se in campionato la squadra viola aveva rimediato uno dei suoi tanti segni X contro i granata, le impressioni che quella gara aveva lasciato erano comunque positive. Ma mentre i granata hanno fatto un piccolo step in avanti, la Fiorentina lo ha fatto indietro. E con Muriel, il salto in avanti che spera di fare il club viola, è multiplo.

Il colombiano potrebbe partire già dal 1’ al posto di Simeone. Con lui Chiesa e Mirallas. E c’è grande voglia di vedere l’ex Samp subito all’opera. A Malta, seppur contro un avversario di un livello decisamente inferiore, ha dimostrato di essere subito in palla. La condizione fisica non sarà certo ai massimi livelli, ma le sensazioni che ha trasmesso sono davvero ottime. Dall’altra parte c’è un Torino che prova a fare il salto di qualità, così come i viola, da anni. Ogni estate, infatti, Cairo prova a metter la freccia cercando di entrare stabilmente nel giro europeo, senza però esserci praticamente mai riuscito se non in una occasione. Ed anche quest’anno l’obiettivo è lo stesso.

Per entrambe, dunque, andare avanti in Coppa è fondamentale. Perché in palio non c’è solo un quarto di finale, ma la consapevolezza di poter ambire ad un 2019 importante. Fiorentina e Torino vogliono l’Europa, perché entrambe sanno che a giugno, con grandissima probabilità, diverse pedine importanti se ne andranno. Chiesa da una parte, con Milenkovic a rimorchio, Belotti dall’altra. Uscire dalla gara di domani con una delusione sarebbe il modo peggiore di iniziare il cammino che necessariamente dovrà portare a dei risultati in questa seconda parte di campionato. Sono tutti sotto esame, almeno da questa parte della sponda. Da Pioli ai singoli. Dall’altra c’è un po’ più di tranquillità, ma fino ad un certo punto. Se anche quest’anno il Toro dovesse finire a metà classifica è chiaro che qualcosa verrà rivisto. Un altro su cui saranno concentrate le attenzioni sarà Norgaard, che dopo Genoa-Fiorentina dovrebbe trovare continuità di impiego. Per capire se potrà essere lui la risorsa per la mediana che tanto serve. Fallire, insomma, non è concesso. Vincere conta di più, per entrambe.

9
Commenta la notizia

avatar
  Subscribe  
ultimi più vecchi più votati
Notifica di
Rocco54
Ospite
Rocco54

Come sarebbe a dire “potrebbe” scendere in campo dal 1′.
DEVE scendere e rimanerci per l’intera partita,
sennò icché se preso a fare?
Sarebbe bello (?) se rimanesse in panca a guardare l’EVANESCENTE in campo.
Chi intendo per evanescente non c’è bisogno che lo scriva.

Fabrizio
Ospite
Fabrizio

……sicuramente non ne capisco molto di calcio, però credo che mettere Muriel al posto di Simeone e insistere sia nel modulo che con un centrocampo con giocatori fuori ruolo o inadatti, non cambi il risultato finale. Il 4-3 -3 richiede due terzini di ruolo, due esterni bassi che fanno la fascia e noi non li abbiamo. Inoltre, senza Veretuot nel suo ruolo naturale in maniera stabile la fase di possesso palla, di verticalizzazione e di finalizzazione anche con tiri da fuori area ne risente in maniera evidente. Nulla aggiungerà Obiann a tale situazione, non è abbastanza dinamico e rapido per… Leggi altro »

Gigio
Ospite
Gigio

Muriel non lo avrei convocato, lo avrei fatto inserire con gradualità negli schemi dell’allenatore

pippo77
Ospite
pippo77

ecco ferguson leccavalle… Spiegaci perchè non lo avresti convocato via! Illuminaci!! Sei uno di quelli che ha paura di bruciare simeone o che ha paura che, se si cambia qualcosa, crolli il campanile di giotto? Oppure credi che muriel non sia pronto? Tanto perchè tu lo sappia abbiamo un bisogno immane di una sola cosa: FARE GOL. Nessuno sa se muriel risolverà il dilemma ma continuare ad andare avanti come abbiam fatto finora non ha portato nessun beneficio. Ora abbiamo un’ (altra) alternativa oltre a vlahovic (che padrepiolo si è ostinato a non mettere mai in campo per bizze puerili)… Leggi altro »

Masso da Marsiglia
Ospite
Masso da Marsiglia

Schemi dell’allenatore !!??

Milan51
Tifoso
Milan51

Muriel va bene più che bene e va bene anche Norgaard .
L’unico che non è all’altezza di
Una squadra che punta all’Europa,?è frate Piolo, che ha fatto un punto meno dello scorso anno e non ha mai raggiunto l’Europa.

Sempreviola93
Tifoso
Sempreviola93

Tutto può succedere nel calcio, mai dare nulla per scontato…

ClaudiodaSasso
Tifoso
claudiodasasso

L’ennesima ultima spiaggia, ma mai come quest’anno la Coppa Italia per noi è proibitiva. Puoi passare il Toro, puoi passare la Roma, ma la Juve la vedo molto molto difficile. Poi si sa, la palla è tonda. Passare tre turni del genere significherebbe a quel punto affrontare chiunque con tante certezze che certe imprese possono darti. Intanto però bisogna passare questo turno. Quindi un passo alla volta. Senza dimenticare il campionato che invece vedo molto più facile se non si buttano punti come all’andata. Speriamo Pioli cominci a ingranare e a osare un po’ di più, e nelle scelte e… Leggi altro »

Fabrizio
Ospite
Fabrizio

….commento perfetto, concordo. Sono mesi che insisto su una linea a 4 con 4 centrali, HANCO a an per replicare Milenkovic a dx a portare o alla almeno sino alla 3 quarti, con Sottil al posto di Pyaca, con Vlahovic doppio centravanti con Simeone, con Biraghi a centro campo…, nulla.Pioli insiste con giocatori fuori ruolo e modulo improbabili. Il 4-3-3 vero e non taroccato come quello della fiorentina richiede terzini di fascia che non abbiamo

Articolo precedenteCoppa Italia, la Juventus vince a Bologna e passa il turno
Articolo successivoQuotidiani: la prima pagina di Qs, Stadio, Gazzetta, Corriere dello Sport, Tuttosport
CONDIVIDI