Women’s col piede sull’acceleratore. E tra 3 gare lo scontro scudetto con Brescia

di La Nazione

5



Anche la vendetta nei confronti del Verona è stata consumata. L’anno scorso l’Agsm tolse alla Fiorentina la qualificazione alla Champions League proprio all’ultima giornata, quest’anno invece è stato solo l’ennesimo birillo abbattuto dalla squadra viola nella sua rincorsa verso lo scudetto, che adesso vivrà principalmente dell’attesa verso lo scontro diretto contro il Brescia. Si perché le rondinelle, a questo punto, sono l’unica avversaria più o meno credibile per la squadra di Fattori a otto giornate dalla fine del campionato di serie A: i punti di vantaggio sono sei, ma prima della partita che potrebbe decidere lo scudetto, in programma il 25 marzo, ce ne sono altre tre, che la Fiorentina dovrà portare a casa per arrivare a quel giorno con ancora più forza rispetto a quella che già ha alla luce del 5-0 dell’andata.

«Vedendo i numeri – conferma il tecnico viola Sauro Fattori – direi che il Brescia è rimasto la nostra unica rivale per lo scudetto. Noi non dobbiamo mollare niente, abbiamo ancora otto finali ma sicuramente quella di Verona era una tappa importante e noi l’abbiamo superata a pieni voti: fra l’altro quello dell’anno scorso non era un ben ricordo, non ne ho mai parlato ma per me era una ferita aperta, stavolta però abbiamo vinto noi e va bene così». Sabato alle 14.30 la Fiorentina tornerà a giocare al ‘Bozzi’ contro il Chieti, poi dopo una lunga pausa, l’11 marzo, avrà una trasferta difficile contro il Mozzanica terzo, prima del nuovo match casalingo col San Bernardo Luserna che precederà il match dell’anno a Brescia.

«La squadra ha dimostrato di essere di grande livello contro un ottimo Verona, e adesso dobbiamo andare avanti così», la carica del difensore viola Elena Linari, che fra l’altro contro le scaligere ha realizzato una insolita doppietta, la prima della sua carriera in serie A, grazie a un rigore e a un colpo in mischia su corner. «Per me è stata una grandissima soddisfazione – rivela Linari – e anche per la squadra. Ripeto però: mai abbassare la guardia, pensiamo alla prossima e continuiamo così».

Commenta la notizia

avatar
Ordina per:   ultimi | più vecchi | più votati
2-3-08
Ospite
Member

Col Verona il 3-0 è stato spettacolare, la Parisi ha impostato l’azione in pratica dalla propria area, lancio lungo, 2-3 tocchi in area ed era lì a concludere con una sventola all’angolino che come dissi altrove mi ha ricordato il gol di Schwarz contro lo Sparta Praga.
Forza ragazze!

Mastiaccio
Ospite
Member

Probabilmente la battuta è stata già fatta, però, nel caso, la ripropongo: il laterale destro, quello sinistro, almeno un centrale difensivo, anche il portiere e, perché no, un medianaccio e i’ centravanti, (almeno se deve giocare Babacar…), della squadra femminile, se son bòni, ‘un si potrebbero utilizzare in prima squadra maschile al posto dei vari: Tomovic, Milic, Maxi Olivera, Gonzalo, (ormai colla testa altrove), Badelj, (idem), Tatarusanu/Sportiello e, appunto i’Baba…?

Potini
Ospite
Member

Mi ricordo quando le sorelle Williams affermarono di poter battere qualsiasi uomo dal numero 200 di ranking in giù. La sfida ci fu, l’uomo (un tedesco di nome Karsten Braasch) prima dello scontro andò a giocare a golf, si fece un paio di birre con gli amici, poi le distrusse in scioltezza in due match consecutivi. Questo per dire che in alcuni sport l’abilità non basta: i muscoli fanno ancora la differenza. Comunque Mastiaccio, la battuta era buona 🙂

Mastiaccio
Ospite
Member

Mi sembra di ricordare che anche Connors fece finta di impegnarsi con la Navratilova vincendo al quinto set 3-2…

Tifoso
Ospite
Member

Per me si decide tutto prima, cioè se non perdono punti neanche con il Mozzanica diventa quasi inutile anche lo scontro diretto a Brescia, se non per fare eventuali record assoluti.

wpDiscuz
Articolo precedenteSondaggio FI.IT: qual è stata la miglior ‘coppia’ della storia viola?
Articolo successivoDi Francesco verso l’addio al Sassuolo. Giampaolo e Oddo per Squinzi. Con vista su Firenze
CONDIVIDI