Women’s, la Fiorentina ci prova ma il Chelsea è troppo forte. Ora obiettivo tornare in Europa

18



Chelsea superiore in ogni zona del campo, risultato pesante ma che sancisce la differenza netta tra le due squadre

Il sogno Champions finisce qui. Applausi per questa Fiorentina che ha provato a fare la partita e l’impresa. Ma il Chelsea ha dimostrato che il gap tra il calcio italiano e quello della Premier inglese è ancora ampio e la squadra di Cincotta lo ha provato sulla sua pelle. Un parziale (0-6) che punisce oltre i demeriti le Women’s che nella ripresa, salvo i primi minuti, sono state schiacciate nella propria metà campo (…), scrive La Nazione.

Adesso testa al campionato, con l’obiettivo di tornare in Europa già nella prossima stagione. Servirà centrare uno dei primi due posti in classifica.

18
Commenta la notizia

avatar
ultimi più vecchi più votati
Teo
Ospite
Teo

Quelle cignale delle inglesi parevan maschi, a un certo punto mi sono chiesto quando sarebbero entrati Hazard e morata..onore alle nostre, speriamo di scucire il tricolore da quelle magliacce scolorite..ma quest’anno sarà dura….

fernando cosci
Ospite
fernando cosci

Perdi due a zero il primo tempo con tre traverse e due pali …-superiorità manifesta .Il secondo ne prendi altre quattro reti.Ma questo allenatore dov’era …contieni la sconfitta e non prendi una batosta cosi’
Questo allenatore con master negli USA deve avere poca considerazione degli effetti che avrà questa disfatta….RICHIAMATELO e fatelo analizzare da uno psicologo.

PiElle, Fi
Ospite
PiElle, Fi

a livello femminile, il divario tra il calcio italiano e quello di altri paesi è ancora più impressionante che a livello maschile
concordo con quanto ha scritto Alex56, è una questione sopratutto di cultura, qui da noi sono ancora in molti che considerano il calcio femminile un non-sport, una barzelletta

unoqualunque
Ospite
unoqualunque

infatti il calcio non è sport per donne. femmina è sinonimo di grazia, in un partita di calcio femminile non se ne scorge un barlume. l’impressione che da una calciatrice è quella di un maschiaccio

Leo curva fiesole
Ospite
Leo curva fiesole

Vista dal vivo sembrava una motocicletta che gareggia contro una bicicletta, impressionante il divario, quando le inglesi partivano in contropiede facevano paura. Imbarazzanti.

Andrea
Ospite
Andrea

Ero a vederle dal vivo, dispiace dirlo ma la differenza tecnica era imbarazzante. Almeno 2 categorie di differenza.

Tifoso
Ospite
Tifoso

Più che tecnica fisica, era una squadra maschile contro una femminile.

enrico
Ospite
enrico

Bene, loro sono superiori. Ma Cincotta ha messo la squadra (stanchissima) molto male.
La Guagni era costretta a difendere e la Clelland arretrava sulla destra lasciando sola la Mauro.
A sinistra il contrario: la Tortelli, ottima centrale difensiva, spingeva a sinistra con la piccola n.24 che faceva l’ala! A centrocampo Breitner e Parisi erano in regolarmente in inferiorità perché la Bonetti non aiutava né a centrocampo né in avanti. A questo punto perdevamo anche dal Compiobbi.

Sogna sogna
Ospite
Sogna sogna

Che scherzi, è colpa di Cincotta…se la Guagni giocava 10 metri più avanti si vinceva 3 a 0….😂😂😂😂😂😂

paolo50
Ospite
paolo50

E’ verissimo. Cincotta c’entra poco con la sconfitta però la Clelland centrocampista di destra è una bestemmia : è l’unica che mette la palla dove vuole e deve giocare al centro dietro la Mauro (a destra ci può andare Bonetti). Da considerare anche che la pur esperta Jacques ha coperto in modo orrido sui contropiedi inglesi : molto meglio giocare a 4 dietro con la Adani dentro

angelo scandicci
Ospite
angelo scandicci

Le inglesi sono di tre categorie sopra fisicamente ed atleticamente e di due tecnicamente e tatticamente. All’andata non ne hai prese 5 perché il nostro portiere ha parato pure le mosche ed hai comunque fatto un megacatenaccio (4.5.1) passando però il centrocampo tipo 5 volte e basta… Al ritorno provare a giocartela con le tre punte e soli due centrocampisti incontristi come di solito in campionato , ti portava alla disfatta di sicuro, per di più in un campo largo come il franchi (rispetto a quello al quale sono abituate) che ovviamente favoriva ancora di più la squadra più forte… Leggi altro »

MoNrOo
Ospite
MoNrOo

Bravo Angelo, qualcuno che guarda le cose e non se le fa raccontare come molti altri su questo sito.

Alex55
Ospite
Alex55

Anche con la squadra femminile se non si spende 6 se ne prende !!! all estero si gioca a calcio o a tennis? Ragazze con i D V finché c’è da divertirsi con poco tutto ok ma quando il gioco si fa serio son Dolori.Poerine complimenti comunque, X L impari impegno espresso in campo.

Alex56
Ospite
Alex56

Alex55, ti racconto il paese in cui abiti. Il divario tra le inglesi e le italiane non dipende dai soldi ma dalla profonda cultura maschilista del tuo paese. Sappi, Alex, che il calcio femminile è vincolato a una legge del tuo paese che stabilisce che il professionismo sportivo vale soltanto per gli uomini. Insomma, le donne non si possono pagare neppure volendo. Lo stipendio annuo delle calciatrici non può superare di norma i 25.000 euro. Credo che ogni tifoso viola, come soggetto politico, dovrebbe chiedere che questa ingiusta discriminazione fondata sul genere venga rimossa. Poi potremo chiedere ai DV di… Leggi altro »

Alex55
Ospite
Alex55

Non lo sapevo pensavo che fosse come il calcio maschile, comunque queste regole sballate suonano dolcissime per Il modus operandi dei D V che poverini anche volessero non possono spendere! se la regola la mettessero nel calcio maschile la sposerebbero subito all istante.

MoNrOo
Ospite
MoNrOo

Ma ci perdi tempo anche a rispondergli? Basta vedere quello che scrive ma soprattutto come per capire che non ne vale la pena.

Tifoso
Ospite
Tifoso

Non è il problema di spendere o no in questo caso. Il calcio femminile in Italia è troppo indietro rispetto ad altri in Europa (Inghilterra, Francia, Germania e Paesi scandinavi) dove sono professioniste da anni mentre da noi sono ancora dilettanti. Ieri sera c’era sopratutto una differenza fisica imbarazzante, le nostre nonostante l’impegno massimo messo rimbalzavano addosso alle inglesi che erano il doppio delle nostre, ci hanno battuto sopratutto di prepotenza e non c’era schema che potevamo utilizzare per fermarle.

Icchè
Ospite
Icchè

Frustrato, altro non sei.

Articolo precedenteGerson, quanto talento inespresso! Adesso serve una scossa anche per la carriera
Articolo successivoPrandelli: “La Roma, Mutu e… Di Natale. Ecco come andò quella volta che Adrian stava per essere ceduto”
CONDIVIDI