Zenga: “Impressionato da Meret. Non riesco a spiegarmi la retrocessione con il Crotone”

7



Intervista al Corriere dello Sport per Walter Zenga, ex tecnico del Crotone. Ecco alcune sue parole: “Ma cosa vuoi che dorma, la notte… Sono ancora sotto un treno, frastornato, sto male male, faccio sempre gli stessi pensieri, pensieri crudeli. I numeri, la differenza reti, le partite vinte, i venti punti nel girone di ritorno e quello score che mi rimbalza nel cervello, cinque cinque nove. Cinque vittorie, cinque pareggi e nove sconfitte che fanno quaranta punti in un campionato intero, e i ventisette gol segnati in un solo girone. Non riesco ancora a spiegarmela, la retrocessione. A Crotone io e Carbone abbiamo dato il 200 per cento. Quando sai di aver fatto una cosa male, di fronte al fallimento devi solo tacere, ma se non hai tralasciato un solo aspetto del lavoro, un solo particolare, se hai dato tutto te stesso non te ne fai una ragione.

I portieri e Donnarumma? Prima del rinnovo del contratto tutti chiamavano Gigio mentre adesso e per tutti è Donnarumma, mister 70 milioni. Gli auguro di essere forte e strutturato al punto da riuscire a reggere il peso di un ingaggio esagerato e di pressioni fuori controllo ormai. La gente dimentica che ha soltanto 19 anni. Diciannove, capisci? E nel Milan, poi. A San Siro. Cosa facevi tu a diciannove anni? Io andavo in prestito alla Salernitana. Se fossi il Real un pensiero a Donnarumma lo farei. Uno che ci regala una parata come quella su Milik non è un portiere ordinario. Ad ogni modo resto convinto che tra i valori più alti ci sia ancora Sirigu che lanciai giovanissimo. E’ forte, uno dei migliori. Anche se quello che mi ha impressionato di più, dal vivo, è Meret. Vedere un portiere dal vivo, forse perché lo sono stato e entro quasi naturalmente nella sua psicologia, continua a emozionarmi. Meret ha doti eccezionali ma, certo, non arriva a Alisson, il più forte del momento. Questi sono dei giganti, coprono la porta per intero, sono padroni dell’area di rigore, sembra quasi che dicano: venite, entrate pure che tanto vi fermo io”.

7
Commenta la notizia

avatar
ultimi più vecchi più votati
2-3-08
Ospite
2-3-08

Saluti da Claudio Caniggia!

Curva Fiesole 1988/89
Ospite
Curva Fiesole 1988/89

ZEEEEEENGAAAAAA, ROBERTA (IN EFFETTI) STA(VAAAAAAAAAA) TROMABAAAAAAAAANDOOOOOOO…..!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

Curva Fiesole Primi Anni '90
Ospite
Curva Fiesole Primi Anni '90

ANCHE HOARAAAAAAAAAAA…!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

Marco Arezzo
Ospite
Marco Arezzo

Ma smettetela, La Fiorentina non e’ una piazza per i giovani che vengono fischiati ai primi errori.
I giocatori della primavera purtroppo vanno dati in prestito, per non essere bruciati.
Come sempre per 4 coglioni (vedi lenzuolai) ci si rimette tutti.

Tresantiviola
Ospite
Tresantiviola

Per una societa come quella dei DV che non vuole spendere e contemporaneamente non ha ne interessi ne ambizioni sportive ,la soluzione migliore per il portiere sarebbe di portare Cerofolini ,che ho visto in primavera e non si niente male anzi,in prima squadra mettendogli come appoggio un portiere più anziano svincolato che lo aiuti senza problemi ,e i soldi risparmiati impiegarli per una punta che aiuti Simeone ,è difficile anche questo perche una punta buona di livello prende un discreto ingaggio e poi bisogna vedere anchecse vuole venire in una societa con molti limiti e poche ambizioni ,è difficile tutto… Leggi altro »

Gianluca puɐןɐǝz ʍǝu
Ospite
Gianluca puɐןɐǝz ʍǝu

“in Fiorentina” no però, ti prego, non farti contagiare, guarisci

Don.Draper
Tifoso
Don Draper

Meret non ci tocca. Potete dormire sonni tranquillissimi.

Articolo precedenteEnrico Chiesa: “Federico ha sempre avuto la passione per il calcio e questo è stato importante nella sua crescita”
Articolo successivoLa giornata viola: il riassunto
CONDIVIDI